Ambiente

Il glitter è pericoloso per l’ambiente

Il glitter è pericoloso per l'ambiente

Quando pensi al glitter, cosa ti viene in mente? Di certo qualcosa di scintillante, accattivante ed elegante. Ma vi siete mai chieste cosa succede al glitter dopo che è stato lavato via? La scienza sostiene che il glitter è pericoloso per l’ambiente ed ecco perché.

Il glitter finisce per diventare cibo per i pesci

Uno studio condotto dal Professor Richard Thompson ha rivelato che ben un terzo dei pesci catturati nel Regno Unto presentavano tracce di glitter.

Il glitter può infatti finire nei mari e negli oceani dai fiumi, attraverso le acque reflue delle nostre case e il deflusso dai siti di discarica. Esperti ritengono che il numero di glitter negli oceani della Terra si aggiri intorno agli 51 trilioni di piccoli frammenti scintillanti. Questo calcolo ha sollevato molta preoccupazione tra gli scienziati che stanno monitorando da vicino gli effetti che questo inquinamento ha sui pesci.

Il glitter fa parte del problema della plastica

Dato che la maggior parte del glitter è fatto di plastica, ogni piccolissimo frammento è considerato come “microplastica” , ossia qualsiasi plastica inferiore ai 5 millimetri di lunghezza.

A causa delle sue piccole dimensioni e della probabilità di essere lavato dopo l’uso e finire rapidamente nei mari e negli oceani, molti scienziati stanno chiedendo uno stop immediato alla creazione e distribuzione del glitter.

Quando il glitter, passando dagli scarichi e attraverso i fiumi arriva nel mare, pesci e piccoli organismi marini non riescono a distinguere queste piccole particelle di glitter dal cibo comune.

Cosa succede quando i pesci mangiano il glitter?

Se gli stomaci della fauna marina si riempiono di microplastiche come il glitter, questi arrivano a morire di fame. Infatti è proprio l’inquinamento la principale causa di morte tra le creature marine in via di estinzione.

Come se ciò non fosse abbastanza, la maggior parte del glitter è fatta di alluminio e di una plastica chiamata PET (tereftalato di polietilene) che alla fine arriva agli stomaci degli esseri umani quando mangiano pesce.

Qual è l’impatto del glitter sugli ecosistemi?

Il glitter ha un impatto significativo sugli ecosistemi sensibili. Ciò è dovuto al fatto che i PET rilasciano sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, che, se ingerite dalla vita marina, possono causare effetti avversi sullo sviluppo, sulla riproduzione, sul sistema neurologico e immunitario.

Le microplastiche hanno mostrato ad esempio di influenzare significativamente i tassi di riproduzione delle ostriche.

Gli effetti del glitter disperso nell’ambiente va a cadere sull’intera catena alimentare, poiché il volume di microplastiche consumate dagli esseri umani amanti dei pesci e dei frutti di mare è molto elevato.

Uno studio dell’Università di Ghent ha scoperto che gli europei che mangiano molluschi possono consumare fino a 11.000 microplastiche all’anno.

Ci sono molte implicazioni a lungo termine del passaggio del glitter attraverso la catena alimentare

Gli scienziati hanno studiato come il PET possa con il tempo decomporsi e rilasciare sostanze chimiche in grado di alterare gli ormoni nei corpi di animali e umani.

Non solo il glitter si accumula negli stomaci della vita marina, ma è anche considerato una minaccia per l’uomo, dato che lo espone a sostanze chimiche tossiche e potenzialmente cancerogene che vengono consumate ingerendo pesce e frutti di mare.

In definitiva, l’unico modo per impedire al glitter di aggiungersi al problema globale delle microplastiche è eliminarlo e optare per un’alternativa ecologica.

Adesso che sai quanto il glitter possa essere pericoloso per l’ambiente, cerca di pensare a idee alternative che non facciano male all’ambiente!