Giovedì, 21 Settembre 2017

Nonnina uccide 12 persone, poi scrive un diario

Tamara Samsonova, una "nonnina" di 68 anni che vive a San Pietroburgo, ha confessato di aver ucciso e smembrato almeno 12 persone. Tamara teneva anche un dettagliato diario delle sue atrocità scritto in russo, tedesco ed inglese. 

 

 

 

Le vittime erano per lo più inquilini di stanze che la sessantasettenne dava in affitto. La "Nonnina Squartatrice" come è stata ribattezzata dai giornali, (in onore del più clebre Jack), prima li drogava per ridurre la loro resistenza, poi le uccideva ed infine le tagliava a pezzi. A questo punto la polizia sospetta che suo marito, scomparso nel 2005 abbia subito lo stesso trattamento.

«Sono colpevole e merito di essere punita» ha dichiarato al giudice, prima di lanciare baci ai giornalisti. Adesso è sotto esame per capire se sia incapace di intendere e volere o se la sua sia tutta una recita per evitare il processo.

 

 

 

DI TENDENZA:

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social