Venerdì, 24 Novembre 2017

La BARA di sua moglie se ne va A SPASSO e lui fa causa alle POMPE FUNEBRI.

Il Signor Lee, 65 anni e la sua dolce metà hanno trascorso insieme 37 anni della loro vita, fin quando la Signora Lee, nel 2007 a 57 anni, è venuta a mancare a causa di una grave infezione polmonare. «Non sarebbe dovuto succedere» ha dichiarato Lee al Newser. «Mi avevano assicurato che la cripta era sigillata ed a tenuta stagna»

 

 

Durante un periodo di piogge molto intense, a causa di un errore di realizzazione della cripta dove la bara era alloggiata si è verificato un allagamento. L'acqua piovana ha riportato quindi la bara i superficie al Riceville Cemetery di Hudston. Il feretro, spinto dall'acqua, ha quindi "viaggiato" per 50 metri circa, per poi fermarsi su un percorso trekking per escursionisti.

L'avvocato del Signor Lee, Annie McAdams, ha annunciato di aver chiesto una consulenza ad un "esperto del settore" ed è saltato fuori che alla cripta mancavano dei fori per lasciar defluire l'acqua in caso di allagamento. «Chiaramente c'era qualcosa che non andava. Non è previsto che una bara torni in superficie» dice la McAdams.

Ne la Chiesa ne il cimitero hanno risposto alle richieste di aiuto da parte del Signor Lee che ha quindi sporto querela.

A risolvere la situazione ci ha provato un' Agenzia funebre concorrente a quella del Riceville Cemetery, che si era proposta per seppellire nuovamente la bara a costo zero. Offerta gradita ma rifiutata. L'avvocato Annie McAdams ha infatti dichiarato che: «Il signor Lee vuole che sua moglie sia sotterrata al Riceville. In quella chiesa si sono sposati, fanno parte di quella comunità. Per loro quella chiesa è sinonimo di casa ed il mio cliente, una volta morto vuole essere seppellito in questo cimitero, dietro questa chiesa accanto alla propria moglie»

 

 

 

 

 

Ti Potrebbero Interessare ...

DI TENDENZA:

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social