Lunedì, 20 Novembre 2017

UCCISE E CONGELÒ i suoi figli. Madre ammette la propria colpevolezza

Una madre, Michelle Blair, in uno scoppio d'ira, ha ammesso in tribunale di avere ucciso due dei suoi quattro figli: Stephen di 9 anni e Stoni di 13. Gli inquirenti sono riusciti ad incastrarla grazie alla testimonianza resa dal terzo figlio, un bambino di soli otto anni, che era a conoscenza del delitto e del nascondiglio dei corpi.

 

 

 

Durante un'udienza per la custodia dei figli superstiti, il figlioletto di otto anni ha dichiarato che il corpo di sua sorella e di suo fratello, scomparsi da tempo, erano in realtà nel congelatore di casa. Dopo quella dichiarazione, l'altra figlia una minore di 17 anni presente alla stessa udienza, ha ammesso di essere stata costretta da sua madre a fare spazio nel congelatore per i corpi. Ha denunciato violenze fisiche, psicologiche e sessuali perpetrate dalla madre Michelle a tutti e quattro i figli. È stato a quel punto che la signora Blair ha dato in escandescenze urlando ripetutamente: «Si. L'ho uccisa io. L'ho fatto»

In seguito i corpi dei due figli mancanti sono stati trovati, come suggerito, nel congelatore di casa. Si pensa che la morte di Stephen risalga all'agosto del 2012 e quella di Stoni al Maggio 2013, date delle loro scomparse.

Ora Michelle Blair dovrà rispondere delle accuse di omicidio colposo, omicidio premeditato, tortura e violenza su minori.

Alla luce degli avvenimenti, la custodia dei figli è stata assegnata ai padri dei ragazzi coadiuvati dai servizi sociali di Michigan.

 

 

 

DI TENDENZA:

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social